GALANTINI
HEILBRON
e ASSOCIATI
Studio Legale
 
profilo
aree di attività
gli associati
i collaboratori
corrispondenti esteri
incarichi di rilievo
contatti
 
INCARICHI DI RILIEVO

Azione sociale contro amministratori e direttori generali e contro la società di revisione di una compagnia assicurativa

Lo studio è stato incaricato dal commissario liquidatore di una compagnia assicurativa italiana di agire in giudizio contro i precedenti amministratori, direttori e revisori dei conti esterni per ottenere da questi il risarcimento dei danni pari a circa 60 milioni di euro derivati da una estesa frode posta in essere dal principale azionista.

 

Consulenza circa la responsabilità degli assicuratori di una società di revisione contabile coinvolta nel crack della Parmalat

Gli assicuratori di una delle società di revisione coinvolte nel crack Parmalat ha incaricato lo studio di accertare se la copertura assicurativa fosse operante o meno.

 

Consulenza sul diritto italiano in materia di diritto aeronautico e di responsabilità extracontrattuale in una Class Action negli Stati Uniti d’America

Il Prof. Avv. Galantini è stato nominato “expert witness”, nell’interesse della parte convenuta, in ordine a numerose e complesse questioni giuridiche sorte in occasione di una azione collettiva promossa negli USA dai parenti delle vittime del disastro aereo di Linate dell’ottobre 2001, in occasione del quale persero la vita 118 passeggeri e l’equipaggio. La causa pende attualmente nella fase di appello sulla questione della incompetenza giurisdizionale delle corti americane, dichiarata dal giudice di primo grado in riferimento ai parenti di tutte le vittime fatta eccezione per la sola vittima di nazionalità americana.

 

Definizione di una rilevante controversia avente ad oggetto un sinistro di un altoforno in Belgio

Per conto di una compagnia assicurativa inglese, lo studio ha recentemente definito con successo in via transattiva un sinistro del valore di 30 milioni di euro derivante dalla fuoriuscita di acciaio fuso da un altoforno in Belgio. La questione legale principale riguardava l’esistenza e l’efficacia vincolante di una causa di esclusione della copertura assicurativa contenuta nella Polizza che era stata modificata in fase di rinnovo del contratto ad opera del broker.

 

Sinistro marittimo con copertura per rischi di guerra

Lo studio è stato incaricato dal proprietario di una nave mercantile di ottenere dagli assicuratori i danni per la perdita della nave affondata nel mare antistante le coste della Croazia in seguito ad un atto di guerra all’inizio del conflitto in Serbia. La vertenza aveva ad oggetto l’operatività di una polizza di copertura del rischio guerra che conteneva una clausola “held covered”soggetta al pagamento di un premio addizionale che non era stato corrisposto prima dell’evento dannoso in quanto gli assicuratori erano in attesa della quotazione del rischio da parte del mercato di Londra. Una questione ulteriore riguardava il fatto se il conduttore della nave, nell’ambito di una locazione a scafo nudo, fosse titolare o meno un interesse assicurabile. La causa è stata vinta avanti la Corte di Cassazione.

 

Impugnazione avanti al TAR di un ordine di pignoramento dei crediti di una compagnia assicurativa italiana

Per conto di un assicuratore italiano, lo studio in collaborazione con esperti di diritto amministrativo operanti sul Foro di Roma ha impugnato avanti al TAR del Lazio un provvedimento di fermo amministrativo di crediti vantati dalla predetta compagnia nei confronti dello Stato italiano in seguito al rifiuto di far fronte a numerose garanzie assicurative dell’importo di euro 40.000.000.
Tali garanzie avevano ad oggetto la restituzione di sovvenzioni pubbliche per lo sviluppo di attività industriali nel sud Italia. Lo studio segue altresì il contenzioso che riguarda il rifiuto di far fronte alle predette garanzie che si fonda sulla ottenimento fraudolento di sovvenzioni per il Sud.

 

Disposizioni in materia di distribuzione di Polizze Unit-linked in Italia

Lo studio è stato incaricato della difesa di una compagnia del settore vita in molteplici giudizi riguardanti l’asserita violazione da parte degli intermediari delle disposizioni riguardanti la distribuzione di polizze unit-linked. Secondo le parti attrici l’offerta di polizze unit-linked dovrebbe essere soggetta alle regole stabilite dall’autorità di controllo in materia finanziaria mentre la compagnia assicurativa eccepisce che siano applicabili le disposizioni stabilite dall’autorità di controllo del mercato assicurativo.

 

Consulenza sull’implementazione dei modelli organizzativi diretti a prevenire la commissione di reati ai sensi del D.L. 231/2001

Lo studio ha fornito consulenza ad un gruppo assicurativo italiano, appartenente ad un conglomerato tedesco, in ordine alla mappatura dei rischi seguita dalla individuazione e implementazione di un modello organizzativo e gestionale diretto alla prevenzione di reati societari previsti nel Decreto legislativo n.231/2001.

 

Ricorso alla Commissione UE in ordine alla trasposizione nell’ordinamento italiano della Direttiva intermediari.

Un’associazione di broker italiani ha chiesto allo studio di procedere, in collaborazione con il Prof. Marco Frigessi dell’Università di Brescia, all’esame di fattibilità di promuovere una denuncia alla Commissione UE diretta a provocare l’inizio di una procedura per infrazione contro lo Stato italiano per violazione delle regole poste nella direttiva intermediari così come recepita nell’ordinamento legislativo italiano.

torna all'home pageVia Santa Sofia, 27 - 20122 - Milano Tel. 02 58306022 Fax 02 58306104